Manuale pratico per arrivare vivi al 5 marzo.
Il pippone del venerdì/44

Feb 16, 2018 by     No Comments    Posted under: Il pippone del venerdì






Non sono uno abituato a fare polemiche in campagna elettorale. Ma consentitemi un appello a tutti noi: svegliamoci. Ora, è vero che non siamo un partito, che siamo un po’ disorganizzati, che siamo pochi e per di più questa campagna elettorale in pieno inverno è anche difficile dal punto di vista climatico. Tutto vero. Però, ragazzi: di elezioni ne abbiamo viste tante, quello che serve lo sappiamo. E allora facciamolo.

Ripartiamo dall’abc.

  • Lasciamo perdere i sondaggi (per fortuna dalle 24 di oggi ne sarà vietata la diffusione). Non è possibile che ogni volta che esce una rilevazione della più sperduta società di statistica andiamo nel panico. Alcuni, penso ad esempio a quelli finti su una presunta competizione sul filo di lana in alcuni collegi di Roma fra la destra estrema e quella moderata, sono fatti ad arte per confondere le acque, per chiamare a raccolta gli elettori dubbiosi. Consideriamo poi che si tratta di rilevazioni che hanno un margine di errore del 2 per cento. Oggi, su tutti i quotidiani, ci danno intorno al 6. Tanto o poco che sia questa è la realtà, proviamo a cambiarla nelle prossime due settimane.
  • Basta parlare degli altri e soprattutto di possibili alleanze future. Su una cosa gli analisti più seri sono d’accordo: il prossimo parlamento non avrà una maggioranza. Perfino la grande intesa fra la destra estrema e quella moderata, escludendo la lega, sarebbe lontana da quel 50 per cento dei seggi più uno. Quindi a chi ci chiede con chi ci vogliamo alleare dopo il voto rispondiamo serenamente che la questione non si pone. Non ci sarà una maggioranza possibile fra noi e i cinque stelle, fra noi e il Pd. Non ci saranno i numeri, inutile darsi le martellate sui cosiddetti evocando impossibili scenari futuri.
  • Allo stesso modo non funziona puntare sulle disgrazie altrui: prima rimborsopoli dei cinque stelle, ora i nuovi guai giudiziari napoletani del Pd e della destra estrema. Problemi loro. La via giudiziaria al socialismo, come si chiamava ironicamente un tempo, non funziona. In alcuni casi, vedasi la campagna di stampa montata su questa vicenda dei bonifici allegri dei grillini, secondo me potrebbero addirittura produrre un effetto boomerang. Perché poi ognuno ha i suoi scheletrucci nell’armadio e in queste occasioni te li ritirano tutti fuori.
  • Altra cosa da evitare: le assemblee in luoghi chiusi. Ora, io capisco che fa freddo, che cominciamo anche a essere stanchi. Le sale magari le riempiamo anche, ma ci ritroviamo sempre fra di noi. Anche un po’ stanchi di sentirci ripetere le stesse cose. E allora stiamo nelle strade. Breve manuale di come si organizza un banchetto: gazebo con almeno due bandiere montate ai lati, materiale elettorale, possibilmente manifesti attaccati, magari anche fatti a mano, attirano di più, l’attenzione, dimostrano vitalità. Inventiamoci cose nuove e antiche: furgoni con le vecchie trombe, mini palchi volanti. Facciamoci vedere. Scusate se sono pedante, ma vedo in giro cose anonime. Infine andiamo a cercare noi gli elettori. Prendiamo i vecchi elenchi che tutti abbiamo e andiamo casa per casa. Non bastano le mail o le chat. Ci sono due fine settimana per farlo. Non perdiamo tempo.
  • Non facciamo iniziative di “frazione”. Liberi e Uguali deve essere l’inizio di un progetto. Se facciamo assemblee dove tutti i partecipanti vengono da una delle formazioni politiche di partenza diamo l’idea (secondo me respingente) che sia un’aggregazione momentanea volta a garantire qualche parlamentare.
  • I social: non li lasciamo agli avversari, ma su questo campo sono più bravi di noi. I grillini sono maestri. E allora utilizziamoli per quello che valgono. Diffondiamo il materiale, pubblicizziamo gli appuntamenti, non incartiamoci in assurde discussioni con personaggi assurdi che spesso fanno i provocatori di professione. Un vaffanculo, perdonatemi la volgarità, spesso è dovuto e sufficiente. Curiamo le nostre pagine, non le lasciamo vuote o, peggio, in balia dei troll.
  • Il nostro slogan è “per i molti, non per i pochi”. E allora cerchiamo di parlare ai molti, non facciamoci assurde masturbazioni mentali sugli indecisi e quello che serve a convincerli o sugli elettori delusi da Renzi o sui grillini pentiti. Parliamo agli italiani. A tutti. Fra questi ci saranno anche le categorie elencate sopra.

 

Fin qui la “pars destruens”, sostanzialmente le cose da non fare. Ora veniamo alle cose da fare e da dire. Ci sono due settimane, tiriamo fuori due idee forti. Due cazzotti da dare nello stomaco degli italiani.

Lavoro, facciamo una proposta alla tedesca: riduzione dell’orario a 28 ore a parità di salario. Se funziona nelle fabbriche della Merkel perché da noi non dovrebbe andar bene. Del resto con la robotizzazione ormai dilagante qualcosa ci dovremo pur inventare per garantire una ripresa dell’occupazione

Fisco: diciamo chiaramente quale progressività vogliamo, quali sono le aliquote che proponiamo e quali detrazioni (sarà quello il vero mercato delle vacche se vince il centro destra). Proponiamo una super tassa alla francese per i ricchi. Non ci facciamo spaventare.

Secondo me, seguendo queste poche regole, di buon senso, possiamo uscirne vivi. E magari avere anche qualche sorpresa. Ora vi saluto, vado a preparare il materiale per le prossime uscite. Sarà un fine settimana intenso.








Commenti

comments

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Cerca

mese per mese

settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930