Le piazze dei giovani e le nostre speranze.
Il pippone del venerdì/93

Mar 22, 2019 by     No Comments    Posted under: Il pippone del venerdì

Lasciamo la sinistra nelle sue contorte articolazioni a decidere in pace come suicidarsi alle elezioni prossime venture e parliamo d’altro. O meglio parliamo delle stesse cose, ma da un’angolazione differente. Del resto, che questi gruppi dirigenti non siano all’altezza del compito difficilissimo che abbiamo di fronte mi pare evidente. E forse se fossero all’altezza non ci troveremmo di fronte un compito così difficile tanto che vincere una qualche competizione che non siano le primarie (per chi è del Pd) o un congresso (per tutti gli altri) pare più difficile che scalare una montagna di ottomila metri. Vinciamo le amichevoli, se ci va bene, ma al momento nelle competizioni elettorali vere facciamo la gara per il secondo posto (quando siamo tutti uniti ma proprio tutti). Del resto se non riusciamo a esprimere dirigenti migliori dobbiamo prendere atto che anche i militanti non sono un granché: le zuffe quotidiane su facebook sono la rappresentazione fedele di quanto siamo consunti fra la cosiddetta base. E il fatto che ogni volta ci rinfacciamo i reciproci errori commessi a partire dagli anni ’70 o giù di lì la dice lunga anche sulla nostra età media. Oramai più che militanti di base siamo una sorta di compagnia di giro: ci si incontra di costituente in costituente, di partito unitario in partito unitario, sempre gli stessi, solo con i capelli ogni volta più bianchi (quando va bene).

Detto ciò, mentre la sinistra “ufficiale” langue alla ricerca del sacro graal, la “sinistra sul campo” pare in gran salute. Non faccio l’elenco, ma ormai non passa una settimana senza un grande momento di mobilitazione a livello nazionale. Le donne, l’ambiente, la lotta alla mafia, il lavoro, la scuola. E in tutte le manifestazioni, almeno a quelle a cui ho potuto assistere, c’è una grande partecipazioni di giovani. Non è vero, insomma, che la sinistra non ci sia più in questo paese: solo che la sinistra “ufficiale” non coincide più con quella “reale” che, al contrario della prima, appare in grandissima ripresa.

Ora, non è la prima volta che succede. Anzi, si può dire che dal ’68 in poi i grandi movimenti di piazza sono stati il motore, o almeno uno dei motori, che ha provocato le conquiste sociali, non solo in Italia. Ma questi movimenti avevano uno sbocco nel panorama politico. Non sto a rifare la solita tirata nostagica alla quale vi ho ormai abituato e quindi non ripeto. Ma il Pci, con i suoi tempi spesso non velocissimi, sapeva rispondere alle spinte sociali, le articolava in chiave politica e le portava all’interno delle istituzioni.  Lo stesso è successo con i partiti degli anni ’90. Poi c’è stato il cortocircuito. Se dovessimo dargli una data, anche se arbitraria, per me è quella del G8 di Genova. In generale la stagione del movimento no global, secondo me è la prima che non ha avuto una adeguata risposta dalla politica, se non la repressione pura e semplice.

Eppure avevano capito tutto. Mentre noi eravamo presi a pensare a come far diventare meno cattivi i mercati, a provare a tingere di rosso le teorie liberiste, a Porto Alegre si parlava di ambiente, di cambiamenti climatici, di come la globalizzazione della finanza rendeva deboli gli stati nazionali. Stavano 20 anni avanti e non lo avevamo capito. O meglio lo avevano capito quelli che stroncarono quel movimento a Genova. A comprendere la gravità di quegli avvenimenti ci siamo arrivati, forse, da pochi anni. Forse anche perché in Italia i no global erano personaggi pittoreschi, molti dei quali sono saliti in fretta su qualche carro che passava, diretti in Parlamento. E lì si sono perse le loro tracce. Del resto la stessa sinistra cosiddetta radicale, che pur in quei movimenti c’era stata con mani e piedi, proprio in quegli anni inizia la sua parabola discendente fino al disastro elettorale dell’arcobaleno.

Non è successo lo stesso negli altri paesi, dove, al contrario, partiti e movimenti si sono rivitalizzati (penso ai verdi tedeschi) o hanno mosso i primi passi proprio in quel periodo. La stessa teoria dell’impegno politico di tipo mutualistico, che hanno portato avanti in Grecia e in Spagna, tanto per fare qualche esempio, pur ripetendo esperienze del ‘900, rinasce  con i movimenti no global, quando la concretezza dell’impegno, l’organizzazione orizzontale in rete fra piccole esperienze diverse fra loro, spesso prendeva il posto dell’organizzazione piramidale dei partiti di massa del secolo scorso.  Lo stesso nuovo Labour di Corbyn attinge piene mani dai movimenti, ripescando nella cassetta dei ricordi le parole d’ordine del socialismo alle quali, però, viene dato un nuovo diritto di cittadinanza grazie alle pratiche e alle elaborazioni di quegli anni. Insomma, l’analisi marxiana torna d’attualità quando il capitalismo fa vedere a tutti quello che, secondo me, è il suo lato peggiore, la finanziarizzazione dell’economia.

In Italia questo non è accaduto e, credo, la nostra crisi attuale sia tutta figlia di questa contraddizione: il Paese che per decenni ha avuto il partito comunista più forte dell’occidente, finita quell’esperienza, si è talmente preoccupato di cancellarne le tracce che adesso fatica a ritrovare le strade antiche, figuriamoci a percorrerne di nuove.

Eppure il protagonismo di questi mesi, soprattutto quello dei giovani deve avere una risposta. Non possiamo permetterci di perdere questi ragazzi, la loro freschezza. Si rifiutano di essere inquadrati nelle organizzazioni esistenti? Bene, non possiamo permettercelo proprio per questo: perché rompono, finalmente, la logica dei polli allevati in batteria e selezionati per fedeltà al capetto di turno.

Ecco, piuttosto che arrovellarci su come suicidarci alle Europee, scorniamoci su questa domanda: come tramutiamo l’entusiasmo che ha riempito le piazza di questi mesi in impegno continuo, in grado di cambiare davvero le cose? Possiamo permetterci, ad esempio, che il movimento sul cambiamento climatico non abbia una sua voce nelle istituzioni? Mi sembra l’unica domanda che meriti impegno.

Cerca

mese per mese

marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031